Fake news e la comunicazione nell’era del web

La crescente diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, l’indebolimento del senso comunitario e della funzione di mediazione svolta dai gruppi sociali, hanno favorito l’aumento del potere e dell’influenza dei mass media. Il ruolo dei mass media è oggi reso più complesso da una diffusa “anarchia” nelle informazioni: nell’attuale sistema informativo globale è molto difficile stabilire regole condivise e avere garanzia, da parte degli utenti, della correttezza dei contenuti.

Diventano sempre più urgenti misure per garantire la correttezza dell’informazione in Rete, limitando la diffusione di notizie false e fuorvianti ma nello stesso tempo garantendo la libertà di informazione, elemento fondante della democrazia.

Negli anni Cinquanta fu avanzata l’ipotesi che l’impatto dei media non poteva prescindere dalla loro influenza sul contesto sociale e sulle opinioni pregresse dei fruitori. Tuttavia negli anni Sessanta la crescente diffusione dei mezzi di comunicazione di massa, l’indebolimento del senso comunitario e della funzione di mediazione svolta dai gruppi sociali hanno portato alla conclusione che sta aumentando il potere e l’influenza dei mass media. Secondo Marshall McLuhan l’evoluzione dei mezzi di comunicazione ha consentito comunicazione in tempo reale a grande distanza, per cui il mondo è diventato più “piccolo” tanto da assumere le dimensioni di un villaggio: “Tutti i media ci investono interamente. Sono talmente penetranti nelle loro conseguenze personali, politiche, economiche, estetiche, psicologiche, morali, etiche e sociali, da non lasciare alcuna parte di noi intatta, vergine, immutata”. Per Jurgen Habermas, lo sviluppo dei mass media ha soffocato anche il dibattito democratico, per cui l’opinione pubblica non può formarsi liberamente, ma è sottoposta al controllo, alla mistificazione, alla manipolazione. Attualmente la teoria più accreditata è quella del costruttivismo sociale, secondo la quale i media “costruiscono” la realtà selezionando determinate immagini e contenuti; da parte sua il pubblico costruisce una propria visione della realtà mediandola con le “costruzioni” offerte dai media. Ai nostri giorni, con tecnologie in continua evoluzione, è ormai opinione comune che i media abbiano un effetto diretto nel condizionare gli atteggiamenti e le credenze del loro pubblico. Ma cosa sono esattamente i mass media? Taluno li etichetta come “Mezzi di diffusione di massa attraverso cui è possibile diffondere un messaggio, secondo le caratteristiche proprie del mezzo, ad una pluralità di destinatari, senza necessaria interazione tra i due poli”. È innegabile che larga parte della popolazione mondiale passi gran parte del proprio tempo a contatto con i mass media e difficilmente possa farne a meno. Tali mezzi, per la loro stessa struttura comunicativa, influenzano la cultura e la percezione della realtà, proponendo modelli e stili di vita che fanno leva sulla desiderabilità sociale. Preso atto che i mass media hanno notevoli effetti (non sempre positivi e non sempre consapevoli) sul modo di pensare degli individui, diventa importante favorire una diffusa capacità di analisi che consenta una reazione criticamente consapevole ai messaggi e ai modelli che sono trasmessi. A rendere ancor più complesso il ruolo dei mass media c’è anche una diffusa “anarchia” nelle informazioni: la velocità con cui si trasferiscono le informazioni nella Rete e il crescente accesso all’uso di sempre nuove tecnologie hanno creato un sistema informativo globale in cui è molto difficile stabilire regole condivise e avere garanzia, da parte degli utenti, della correttezza dei contenuti. Negli ultimi anni, in particolare, grazie anche alla diffusione dei social network si assiste a un ampio dilagare di disinformazione online, con i grandi operatori della Rete accusati di essere responsabili della facilità con cui avviene la diffusione di materiale che incita all’odio (per esempio, hate speech), alle discriminazioni o che veicola attività dal dubbio profilo di legalità. Certamente la natura stessa della Rete rende difficile stabilire regole e responsabilità precise per informazioni create ogni giorno da milioni di organizzazioni o semplici utenti, così come è laborioso distinguere una notizia vera da una falsa (le cosiddette fake news) o intercettare contenuti indecenti e incivili, come quelli che fanno riferimento alla pedofilia, all’odio razziale o allo sfruttamento sessuale. L’Unione Europea sta da tempo adottando alcune misure per contrastare questo fenomeno e garantire che l’informazione sulla Rete si svolga in modo corretto, limitando la diffusione di notizie false e fuorvianti, ma cercando nello stesso tempo di mantenere le garanzie della libertà di informazione, baluardo della democrazia.

Fai la tua domanda

Se sei uno studente che partecipa al progetto tramite la scuola poni la tua domanda tramite l’insegnante.
Se sei maggiorenne e partecipi a titolo personale compila questo form.

    * campi obbligatori

    Info:

    relatore:

    orario:

    data:

    Auditorium di Palazzo Blu

    Diretta streaming

    Menu